Achille Lauro rivela quando ha perso la verginità  e perchè ha tatuaggi sul viso

Achille Lauro rivela quando ha perso la verginità  e perchè ha tatuaggi sul viso

Achille Lauro in una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera rivela QUANDO ha PERSO la VERGINITÀ. Parla anche dei suoi tatuaggi sul viso, confessa il perché li ha fatti. Il cantautore 31enne romano si racconta e parla della sua infanzia e adolescenza. “Non andavo a scuola, avevo seguito mio fratello, vivevamo in una comune”, spiega.

[Achille Lauro rivela quando ha perso la verginità e perché ha tatuaggi sul viso]Achille Lauro rivela quando ha perso la verginità e perché ha tatuaggi sul viso Sulla sia prima volta svela: “A 13 anni, lei aveva qualche mese in più. In quelle realtà metropolitane si cresce velocemente”.

Non studiava era ossessionato dalla scrittura da mettere in musica. ACHILLE LAURO ha un passato tormentato: “Vengo dalla periferia romana, ai bordi del raccordo, una realtà di estrema difficoltà. Malavita e criminalità mi hanno fatto crescere con miti sbagliati. Roma non è corrotta, diceva qualcuno, ma corruttrice. Mi sono reso conto che stavo crescendo in un bolla sbagliata che mi avrebbe portato nella merda. Se parlo di droga non è quella che gira nel mondo dello spettacolo, ma di una bolla in cui non hai aspettative, non c’è futuro e accadono cose tremende da cui non si esce intatti. Dopo i 20 anni capisci che quelle non sono più caz*ate, ma che stai buttando la tua vita nel cesso, stai diventando un uomo e se continui non puoi più cambiare strada ed è tardi per la redenzione”. L’artista 31enne romano parla della sua ‘prima volta’ Anche il primo tatuaggio è arrivato intorno ai 13-14 anni: “Nella comune li avevano tutti. È un sole con l’iniziale del nome di una persona importante. A mia mamma avevo detto che era fatto con l’hennè. Tutti i tatuaggi sono legati o a persone importanti o a un lato estetico e culturale come quelli del filone giapponese”.

Lauro ora ne ha moltissimi, alcuni sul volto, le scritte ‘Scusa’ e ‘Pour l’amour’: “‘Scusa’ è la chiave di tutto, una parola bellissima che puoi decidere sia riferita a se stessi per quello che facciamo o agli altri per quello che facciamo loro. ‘Pour l’amour’ era il titolo del mio album. Toccare una parte importante come il viso è un tabù, la nonna ti dice che non potrai andare a lavorare in banca se te lo fai, ma io non avevo un piano B, per me quel disco era tutto o niente”.

Achille quando gli si domanda quale sia la spesa più folle fatta ora che è famoso, confida: “Nemmeno quando facevo rap mi interessavano orologioni, collane o macchinoni. Per come sono stato educato me ne frego delle cose materiali. Ai tempi della trap vivevo in un monocale, di giorno ufficio, di notte branda. Ho sempre investito tutto quello che ho guadagnato per poter avere una visione più grande. Un anno e mezzo fa sono cascato nel piacere delle cose materiali e ho comprato una Ferrari, ma l’ho già venduta”.

Fonte: https://www.gossip.it/news/achille-lauro-quando-perso-verginita-news.html

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: