Federica Pellegrini, positiva al Covid, accompagna la madre a fare il test: scoppia il caos

Federica Pellegrini, positiva al Covid, accompagna la madre a fare il test: scoppia il caos

Federica Pellegrini, in quarantena perché POSITIVA al COVID, nelle sue IG Stories, trasformate quasi in un video diario di questi giorni in cui è costretta a casa per il virus, rivela: “Ho accompagnato mia MADRE a fare il TEST”. Sul social scoppia un vero putiferio. Presa di mira da moltissimi sul social, la ‘Divina’ è costretta a replicare. “Ero autorizzata”, chiarisce. [Federica Pellegrini, positiva al Covid, accompagna la madre a fare il test: scoppia il caos]Federica Pellegrini, positiva al Covid, accompagna la madre a fare il test: scoppia il caos “Ho accompagnato mia mamma a fare il tampone, con distanziamento e mascherina, perché lei non ha mai guidato a Verona. Ora aspettiamo il risultato e quasi sicuramente sarà POSITIVA ma rispetto a ieri sta già meglio”, confessa la Pellegrini.

Le sue parole scatenano la rabbia di molti: Federica secondo loro avrebbe sbagliato perché non ha ancora concluso il periodo di isolamento previsto dalla legge. Le puntano il dito contro: avrebbe infranto le regole. La sportiva, che ha portato la mamma perché la donna non guida, è costretta a difendersi sempre via social: ‘Ero autorizzata’ La campionessa di nuoto, sommersa dai commenti cattivi, interviene e ribatte: “Io non sono una persona poco responsabile e poco disciplinata, anzi, sono molto responsabile e molto disciplinata. Se sono uscita a portare mia MADRE a fare il tampone non è perché l’ho deciso alzandomi la mattina, ma perché mi ha autorizzato la dottoressa dell’Asl”. 

Fede mette a tacere tutti. Il direttore generale della Ulss 9 Scaligera, Pietro Girardi, conferma dopo aver verificato quanto è accaduto: la Pellegrini aveva il via libera. Non ha avuto un trattamento di “favore”. “E’ normale che una persona positiva al Covid si rechi in un punto tampone. Succede, ad esempio, ogni volta che c’è un tampone di controllo”, spiega. La regola in questo caso vale anche per la mamma, impossibilitata a recarsi da sola a fare il TEST.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: