Mercedesz Henger shock: 'Mia madre mi diceva che ero cicciona e facevo schifo per l'acne

Mercedesz Henger shock: 'Mia madre mi diceva che ero cicciona e facevo schifo per l'acne

Mercedesz Henger ha raccontato quali COSE TERRIBILi che la MADRE le avrebbe detto anni fa. La giovane, figlia di Eva Henger e Riccardo Schicchi, ha deciso di parlare dopo che l’ex attrice a luci rosse ha rilasciato nuove dichiarazioni al settimanale ‘Nuovo’, affermando che la 29enne è, a suo parere, POCO FEMMINILE a causa della troppa palestra (cosa che, sempre secondo Eva, potrebbe essere dovuta alla relazione con Lucas Peracchi, personal trainer). [Prosegue il botta e risposta mediatico tra Eva Henger, 47 anni, e sua figlia Mercedesz, 29]Prosegue il botta e risposta mediatico tra Eva Henger, 47 anni, e sua figlia Mercedesz, 29 “Mi dispiace che si sia trasformata così, io la trovavo molto PIÙ BELLA PRIMA. La sua nuova immagine non coincide col mio gusto, preferisco una maggiore femminilità. Se però lei si piace così, io sono contenta per lei. Conoscendola e sapendo che è una ragazza abbastanza FRAGILE, spero solo che non l’abbia fatto per piacere a qualcun altro. I rapporti tra me e mia figlia Mercedesz Henger non sono certo migliorati, però non ho più voglia di polemizzare con lei. Oggi tra noi non c’è più alcun tipo di rapporto, ma per me va bene così. È arrivato il momento di dire BASTA, ritengo che ci sia un limite a tutto”, ha detto la Henger al magazine.

A poche ore dalla pubblicazione dell’intervista è arrivata REPLICa di Mercedesz via Instagram Stories. Ha fatto sapere che la madre l’avrebbe INSULTAta più volte in passato per il suo ASPETTO FISICO. Avrebbe preso di mira il suo peso e la sua ACNE, portandola anche a piangere. “Sono mesi che non la sento e mi sta bene così. Io sono molto più serena, mi dispiace dirlo ma è così. Dopo mesi che non la sento mi continuano ad arrivare queste ‘punzecchiate’ che non credo di essermi meritata perché le cose che io ho detto contro di lei erano solo in mia difesa perché ero stata ATTACCATA”, ha detto Mercedesz sul social. [Negli ultimi anni il fisico di Mercedesz è molto cambiato: a sua madre non piace, a lei sì]Negli ultimi anni il fisico di Mercedesz è molto cambiato: a sua madre non piace, a lei sì “Io non penso di stare facendo tutta questa PALESTRA, anzi mi piacerebbe farne di più. Mi sembra esagerato dire che sono addirittura un uomo. Se è quello che voglio io e a me sta bene così perché mi devo preoccupare di quello che pensano gli altri? Sono opinioni”, ha aggiunto. Poi le parole più forti: “Detto da una madre, una madre che tra l’altro quando ero più in carne mi ASSILLAVA col fatto che ero una CICCIONA, quando avevo l’ACNE mi assillava col fatto che facevo SCHIFo, una volta mi ha addirittura fatto PIANGERE”.

“Le poche volte che le fuoriusciva un compimento dubitavo della genuinità del complimento stesso, perché ero abituata a ricevere solo INSULTI. Qualcuno può mascherare la cosa dicendo che erano ‘amorevoli consigli’. Ma come dice lei nell’articolo, se sono FRAGILe fatti due domande, domandati perché sono fragile e smettila di criticarmi”, ha continuato. [Dopo l’inizio della relazione tra Mercedesz e Lucas Peracchi i rapporti in famiglia sono diventati tesi e oggi madre e figlia non si parlano più]Dopo l’inizio della relazione tra Mercedesz e Lucas Peracchi i rapporti in famiglia sono diventati tesi e oggi madre e figlia non si parlano più E ancora: “Recentemente sono serena e felice e le uniche note negative sono questi suoi PUNZECCHIAMENTI. Io vado avanti per la mia strada e spero solo che ad un certo punto finiscano queste cose. Visto che lei insinua che questo cambiamento l’ho fatto per piacere di più a LUCAS, vorrei ricordarle che queste cose lei ha iniziato a dirle molto prima che io conoscessi e mi mettessi con Lucas. Mi diceva che le mie gambe si stavano ingrossando troppo, mi chiedeva dove volevo arrivare…”.

“Mi sono trovata costretta a rispondere perché ne ho le scatole piene di essere descritta pubblicamente come una che non ci sta con la testa, quindi mi sono dovuta DIFENDERE pubblicamente”, ha quindi concluso.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: